La politica economica della R.S.I.

Manlio SARGENTI 
(*) Pubblichiamo, per Sua gentile concessione i seguenti scritti del prof. Manlio Sargenti, eminente giurista e cattedratico di Diritto romano allUniversità di Pavia, Ca- po di Gabinetto del Ministero dellEconomia corporativa della R.S.I. stretto collaboratore del Ministro Tarchi:
Sargenti a fianco di Tarchi, Ministro S.R.I. La politica economica della R.S.I., le- zione tenuta il 6 settembre 1998 nel corso del Seminario di studi storici di Cicogna.
I 70 anni della Carta del Lavoro, articolo edito in LINEA, n.ri. 678, GiugnoLuglio-Agosto 1997.
Socializzazione o Socialismo?, articolo pubblicato nel numero 34 della rivista Re- pubblica Sociale, novembredicembre 1944, XXIII E.F.
Questi scritti, appassionati documenti del prof. Sargenti, protagonista dellattività di governo nella R.S.I., per la loro attualità costituiscono ancora oggi un tema di riflessione e di approfondimento peril legislatore che, almeno come si evince dagli intenti programmatici,dovrebbe mirare ad un miglioramento della vita economica e
sociale del Paese, e con una particolare attenzione alla tutela dei lavoratori tutti quali
unici e veri protagonisti del processo produttivo, dando finalmente attuazione al det- tatocostituzionale che, allart. 46, sia pur riduttivamente si è ispirato al Decreto legislativo del Duce 12.2 1944, n. 375, meglio noto come “Socializzazione delle impre- se”.
SARGENTI A FIANCO DI TARCHI, MINISTRO R.S.I.

Tarchi fu nominato Ministro dell’Economia il 31 dicembre del 1943. Prese possesso della carica nei primi giorni di gennaio e rimase Ministro dell’Economia fino alla prima metà del gen- naio 1945, quando avvenne un profondo cambiamento che ebbe un    significato    politico.    Cioè    la    riduzione    del    Ministero dell’Economia Corporativa a Ministero della Produzione Indu-
striale e la creazione del Ministero del Lavoro. Ministero del Lavoro che non era e non voleva essere quello che normalmente si intende anche oggi come organismo che regola e sovrintende ai rapporti di lavoro ma voleva essere qualche cosa di molto più ampio: voleva essere il vero strumento regolatore dell’attività economica. In quel momento, nel gennaio 1945, si verificò quin- di una svolta nell’indirizzo della politica economica del Governo e venne meno anche formalmente quella funzione di disciplina totalitaria del processo economico che avrebbe dovuto essere – e che in parte fu durante il 1944 – il compito del Ministero dell’Economia.
Non mi dilungo su questo perché ne troverete la illustrazione nelle pagine del libro di memorie di Tarchi, TESTE DURE.
Questa politica aveva più aspetti. Gli scopi che Tarchi come Ministro dell’Economia si proponeva erano sostanzialmente due: il primo era il grande programma strategico perché era il pro- gramma di trasformazione della struttura economica e sociale del paese. Un programma di estrema ambizione, di estremo impegno politico, che naturalmente avrebbe richiesto anni, forse decenni, per realizzarsi compiutamente perché si trattava di trasformare radicalmente la struttura economico-sociale della Nazione e di trasformare quindi anche la mentalità degli uomini operanti in questa struttura. In primo luogo dei lavoratori.
Il programma della socializzazione – non entro nei particola- ri perché ne ho parlato già tante volte in questa sede e altrove e non voglio ripetermi – in sostanza a che cosa mirava? A portare i lavoratori nella vita e nella disciplina del processo economico. I lavoratori. Sottolineo questo termine: non gli operai, i lavoratori, tutti i lavoratori, tute blu e colletti bianchi, noi lo ripetevamo co- stantemente era una sorta di luogo comune, di slogan fisso e si aggiungeva sempre nei documenti ufficiali: operai, impiegati, tecnici, per sottolineare che la nostra non era una visione operaistica, non era la visione comunista del potere al proletariato, del potere alla classe operaia. Era una visione totalitaria del mondo del lavoro. Una visione che vedeva la funzione del lavoro in tutte le sue forme, dal lavoro materiale al lavoro intellettuale, al lavo- ro dirigenziale. Anche chi licenzia è un lavoratore e noi archi- tettavamo così quella politica dei quadri che ha fatto tanto rumo- re il 14 ottobre 1980 (marcia dei 40 mila “intermedi”).
E’ sembrata una grande scoperta. Noi l’anticipavamo 40 an- ni prima, sostenendo che il lavoro, tutto il lavoro, dovesse diven- tare protagonista del processo produttivo (quello che era stato il principio affermato ma non sempre realizzato dal regime fasci- sta): il lavoro soggetto dell’economia. Come si fa a rendere il la- voro soggetto dell’economia; noi ci chiedemmo? Risposta: la so- cializzazione. Scusate se uso il temine noi, non vi sembri una manifestazione di presunzione; dico “noi” perché ho fatto parte, modestamente, di quel gruppo che ha lavorato intorno al Mini- stro Tarchi e prima ancora che Tarchi fosse assunto al Ministero dell’Economia quando era soltanto Commissario dell’Imi e di al- tri istituti finanziari pubblici. Ho fatto parte di quel gruppo che, intorno a Tarchi, ha lavorato alla elaborazione di queste idee. E- rano idee che scaturivano dal pensiero di Mussolini, che scaturi- vano dai postulati ideologici del fascismo ma che durante il ven- tennio erano state, se non ignorate, certamente sacrificate, certa- mente non attuate. E’ un problema molto vasto: perché queste idee fondamentali e vitali del fascismo non erano state compiu- tamente realizzate? Ma non è un discorso che possa essere af- frontato in questo momento. Questo era dunque uno degli aspet- ti, una delle facce del programma di politica economica con cui Tarchi assunse la carica di Ministro dell’Economia. Programma di politica economica che egli aveva esposto al Duce prima di assumere la carica e che il Duce aveva pienamente approvato,
non era la visione comunista del potere al proletariato, del potere alla classe operaia. Era una visione totalitaria del mondo del lavoro. Una visione che vedeva la funzione del lavoro in tutte le sue forme, dal lavoro materiale al lavoro intellettuale, al lavo- ro dirigenziale. Anche chi licenzia è un lavoratore e noi archi- tettavamo così quella politica dei quadri che ha fatto tanto rumo- re il 14 ottobre 1980 (marcia dei 40 mila “intermedi”).
E’ sembrata una grande scoperta. Noi l’anticipavamo 40 an- ni prima, sostenendo che il lavoro, tutto il lavoro, dovesse diven- tare protagonista del processo produttivo (quello che era stato il principio affermato ma non sempre realizzato dal regime fasci- sta): il lavoro soggetto dell’economia. Come si fa a rendere il la- voro soggetto dell’economia; noi ci chiedemmo? Risposta: la so- cializzazione. Scusate se uso il temine noi, non vi sembri una manifestazione di presunzione; dico “noi” perché ho fatto parte, modestamente, di quel gruppo che ha lavorato intorno al Mini- stro Tarchi e prima ancora che Tarchi fosse assunto al Ministero dell’Economia quando era soltanto Commissario dell’Imi e di al- tri istituti finanziari pubblici. Ho fatto parte di quel gruppo che, intorno a Tarchi, ha lavorato alla elaborazione di queste idee. E- rano idee che scaturivano dal pensiero di Mussolini, che scaturi- vano dai postulati ideologici del fascismo ma che durante il ven- tennio erano state, se non ignorate, certamente sacrificate, certa- mente non attuate. E’ un problema molto vasto: perché queste idee fondamentali e vitali del fascismo non erano state compiu- tamente realizzate? Ma non è un discorso che possa essere af- frontato in questo momento. Questo era dunque uno degli aspet- ti, una delle facce del programma di politica economica con cui Tarchi assunse la carica di Ministro dell’Economia. Programma di politica economica che egli aveva esposto al Duce prima di assumere la carica e che il Duce aveva pienamente approvato,
avallandolo  con  la  nomina,  appunto,  di  Tarchi  a  Ministro dell’Economia.
Il secondo aspetto della politica di Tarchi era non più quello strategico di largo respiro e di attuazione nel tempo, che era il programma della socializzazione, ma era il programma contin- gente.
Di questo oggi io vorrei in particolare parlare perché della socializzazione credo di avere parlato troppo, tanto da divenire persino noioso. Sul punto della socializzazione comunque sono a disposizione dei giovani che non si ritenessero sufficientemente informati per fornire loro tutti i chiarimenti che vorranno chiede- re. Se questo è un seminario, deve fondarsi anche sul dialogo. Io non voglio tenere una lezione cattedratica, voglio gettare il seme anche per una polemica. L’altro aspetto, dicevo, del programma di politica economica di Angelo Tarchi fu quello impostato dalle drammatiche circostanze che si erano verificate in Italia con l’8 settembre 1943.
Ho visto, ho assistito, allo spaventoso, tragico spettacolo della distruzione di un Reggimento alpini nel giro di 48 ore. Sa- pete cosa era un Reggimento alpini? Migliaia di uomini, centi- naia di muli, migliaia di armi. Il tutto scomparso nel giro di 48 ore. Un Reggimento alpini non esisteva più. Questo spettacolo a cui io ho assistito personalmente e ho vissuto drammaticamente, ritrovandomi la mattina del 10 settembre solo con il Colonnello comandante del Reggimento, raminghi per le colline di Sarzana, per sfuggire alla cattura. Questo dramma è il dramma che si è ve- rificato in tutta l’Italia. Ed è stato il dramma che è andato al di là dello sfasciamento, della fine, dell’Esercito italiano; è stato il dramma della fine dello Stato che non c’era più. Fuggito il Re, fuggito il Governo, a Roma non esisteva più un centro coordina- tore, un centro di comando. Che cosa è avvenuto allora? Siccome
voi sapete che la natura umana, la società umana, rifugge dal vuoto, il vuoto bisognava riempirlo. Chi lo ha riempito? Sul ter- reno economico sono stati i tedeschi con due strutture organizza- tive di base, che sono diventati veri organi direttivi coordinatori dell’economia italiana. Uno era il famelico Ruk, sigla di Ru- stungs und Kriegsproduktion, organismo alle dipendenze dirette del Ministro della produzione bellica tedesca Arbert Sperr: la se- zione italiana era affidata all’ing Hans Leyers, coadiuvato da col- laboratori, tutti Ufficiali Wehrmacht dei mondo economico tede- sco. Erano industriali in divisa. Molti di loro avevano lavorato in Italia, come rappresentanti, come esponenti delle imprese tede- sche. Infatti tutti conoscevano bene l’italiano, conoscevano bene soprattutto la struttura, l’apparato produttivo italiano. Questo or- ganismo, installato a  Milano in  Foro  Bonaparte negli  edifici dell’allora Montecatini, era suddiviso, organizzato per settori. Poi aveva emissari nelle province ma l’organo centrale sedeva a Milano ed era strutturato per settori di produzione. A ogni settore presiedeva uno di questi ufficiali esperti del ramo perché prove- nienti dall’industria tedesca ed erano quelli che dal 10 settembre in poi governavano l’economia italiana. Quindi requisizioni, quindi assegnazioni di materie prime, quindi determinazione dei programmi di produzione, quindi spedizione in Germania, non solo dei prodotti, non solo delle materie prime ma addirittura de- gli impianti, che venivano smontati e trasferiti in Germania.
Questa era la situazione determinatasi dopo l’8 settembre. Accanto a questo organismo ne esisteva un altro di carattere più squisitamente militare alle dipendenze del Plenipotenziario We- hrmacht in Italia (fino al 26 ottobre 1943 Witthöft, fino al 31 lu- glio 1944 Toussaint) che dopo mesi di frizioni con altri poteri te- deschi in Italia passò sotto Wolff, Capo anche SS e Polizia, già adeguatosi alla supremazia di Rahn, quale Plenipotenziario del
Reich in Italia. Organismo che svolgeva funzioni analoghe con quelle del Ruk (non solo in Italia, i conflitti nello Stato) e svol- geva quindi a sua volta una funzione di controllo e di disciplina dell’attività produttiva italiana. Accanto a questi due organismi esistevano l’Organizzazione TODT, che presiedeva ai lavori di fortificazioni e a quelli per strade e ferrovie, l’Organizzazione SAUCKEL, dal nome del Commissario per il Lavoro, che pre- siedeva alla mano d’opera e l’Organizzazione BACKE, dal nome del Sottosegretario all’Agricoltura. Una situazione drammatica, in buona o cattiva fede, fosse o non fosse veramente necessario per le esigenze dell’industria bellica, o fosse invece mirata alla distruzione, all’impoverimento dell’organismo economico italia- no concorrenziale laddove poteva essere concorrenziale con quello dell’estero. Fosse l’una o l’altra l’ispirazione che guidava gli  organi  tedeschi, fatto  si  è  che  dall’8  settembre in  avanti l’industria italiana diventò terra di conquista e terra di sfrutta- mento da parte tedesca. Quello che io vi vengo dicendo può sembrare eretico. Non possiamo ignorare quale era la realtà sto- rica di quel momento. Non la ignoriamo oggi in sede storiografi- ca, ma non l’abbiamo ignorata neppure allora. Proprio per que- sto, proprio su questo presupposto, proprio in questa direzione si è sviluppata quell’opera di difesa degli interessi dell’economia italiana che ha costituito uno degli aspetti del programma politi- co di Tarchi e sul quale voglio intrattenervi.
La situazione così drammatica verificatesi dopo l’8 settem- bre non fu sanata di colpo dalla costituzione del Governo della Repubblica Sociale per parecchie ragioni. Intanto voi sapete che questo Governo non poté installarsi a Roma. Vennero quindi a mancagli quei requisiti di prestigio, di autorità diciamo pure, che sarebbero derivati dal fatto di essere di nuovo nella capitale dello Stato, soprattutto quando la Monarchia e il Governo monarchico
erano fuggiaschi, quando la Monarchia e il Governo monarchico erano alla mercé degli invasori, mentre formalmente e anche so- stanzialmente il Governo della Repubblica Sociale è stato sem- pre un Governo alleato della Germania.
La mancata installazione del Governo repubblicano a Roma costituì un primo elemento di debolezza. I ministeri furono tra- sferiti nel nord Italia con una inevitabile crisi di spostamento, con una inevitabile crisi derivante dalla difficoltà di trasferire nell’Italia settentrionale migliaia di dipendenti dei ministeri, dal- la reticenza di molti di questi funzionari ministeriali a lasciare Roma, a lasciare le loro case, a lasciare le loro famiglie o a tra- sferirsi al nord con le loro famiglie incontro all’incognita.
E’ stata una prima ragione di crisi che si protrasse per qual- che mese, per lo meno per due mesi (ottobre e novembre). Poi la dislocazione dei ministeri dell’Italia settentrionale, anche questo con miopia forse da parte tedesca. Non fu possibile che i ministe- ri si installassero in un unico centro quale poteva essere Milano, per esempio, quale poteva essere Monza, quale poteva essere Bergamo. I ministeri furono dispersi in tutta la Pianura Padana.
Il centro del Governo, come sapete, era Gargnano sul Garda ma i ministeri, a parte il Ministero dell’Interno e quello degli E- steri, non erano a Gargnano, non erano nei dintorni, erano sparsi per    la    Pianura    Padana    e,    guardate    il    caso,    il    Ministero dell’Economia, a cui presiedeva in quel momento Silvio Gai, finì in un paesetto sperduto alla periferia di Padova, Ponte di Brenta. Da dove non era assolutamente possibile una qualsiasi ingerenza nell’attività economica del  paese  che  si  svolgeva nel  grande triangolo industriale Milano – Genova – Torino. Tenendo conto oltre tutto delle difficoltà di comunicazione, dei bombardamenti, dei mitragliamenti, delle linee telefoniche spesso interrotte. Quindi questo ministero era veramente un ministero fantasma
che non ebbe moneta per due mesi e più, nessuna pratica influen- za nel governo dell’economia italiana. Lasciò quindi al Ruk di svolgere senza nessun contrasto la propria attività di governo del processo  economico.  Nell’edificio scolastico  di  Ponte  Brenta c’era uno sparuto gruppo di funzionari venuti da Roma, pochis- simi, senza direttive, che non sapevano bene che cosa fare, senza materiale, senza organizzazione.
Questo era nel gennaio del 1944 il Ministero dell’Economia della Repubblica Sociale. Non sto a entrare nei particolari. Tar- chi si dette cura prima di ogni altra cosa di portare il Ministero laddove potesse funzionare e lo portò a Bergamo. Nel giro di po- chi giorni ci trasferimmo a Bergamo. Si dette cura di ricreare la struttura funzionale del Ministero facendo affluire da Roma un buon numero di funzionari, creando anche a loro le condizioni di vita: gli alloggi, le mense e tutto quello che era necessario in una situazione come quella della RSI.
Così poté cominciare, poté essere avviato il lavoro di recu- pero della funzionalità economica e di disciplina della economia nei confronti degli organi previsti. Ma fu un’opera difficile, e- stremamente faticosa e non si può dire neppure che fosse stata condotta interamente a termine quando la guerra si concluse. Bi- sogna conoscere i tedeschi per sapere qual’è la loro capacità di resistenza, la loro capacità di tenere fede ai loro principi, alle lo- ro idee, alla loro organizzazione. Come si svolse quest’opera? Con continui contatti prima di tutto con l’Ambasciata di Germa- nia. Con l’ambasciatore, il quale da buon politico e da buon di- plomatico era il più possibilista, era il più pronto ad ascoltare e a fare buon viso alle richieste di restituzione della funzionalità agli organi di governo italiani. Poi con il responsabile della produ- zione bellica e degli armamenti, il potente Ministro Sperr, e so-
prattutto con il Ruk di Milano: il generale Leyers e i suoi appog- gi.
Lo strumento per contrastare l’opera, l’attività, di questi uf- fici tedeschi fu la creazione di analoghi uffici e organismi italia- ni. Poiché non esistevano più le strutture che erano state create prima del 25 luglio, non esisteva più soprattutto l’organismo cor- porativo che era strutturato proprio con il  criterio dei grandi settori di produzione e che quindi avrebbe potuto costituire un contraltare di quegli uffici e comitati costituiti dai tedeschi per grandi settori di produzione, fu necessario creare qualche cosa di nuovo, qualche cosa che non c’era da parte italiana; questo qual- che cosa furono appunto gli uffici industriali e i comitati indu- striali, strutturati per settori di produzione in settori corrispon- denti a quelli nei quali erano costituiti gli uffici tedeschi del Ruk. I presidenti di questi comitati, i direttori di questi uffici, doveva- no essere e furono gli interlocutori dei corrispondenti dirigenti tedeschi degli organismi di controllo dell’economia. E così fu possibile affrontare, settore per settore, i vari problemi che di volta in volta si presentavano. Cioè problemi di smontaggio e trasferimento degli impianti ai quali naturalmente il Ministero i- taliano dell’Economia si oppose con tutti gli strumenti, con tutti i mezzi possibili. Anche con un’argomentazione di carattere molto ovvio, che chissà perché i tedeschi non tenevano in considera- zione: lo smontaggio di un impianto industriale richiedeva setti- mane o mesi di tempo, secondo la complessità dell’impianto. li trasporto nelle condizioni precarie in cui si svolgevano i trasporti in tempo di guerra richiedeva altro tempo e poteva portare anche alla perdita totale dell’impianto. Il rimontaggio dell’impianto ri- chiedeva altre settimane o altri mesi. Qual’era allora il beneficio per l’economia di guerra, perché questo era naturalmente lo slo- gan programmatico che ci si opponeva? Queste operazioni sono
finalizzate all’economia di guerra, alla migliore organizzazione dell’economia di guerra. Argomento nostro: ma a che serve, qua- le fine si può conseguire attraverso lo smontaggio, il trasporto, il rimontaggio degli impianti in Germania quando questi impianti possono continuare a funzionare in Italia e a non perdere neppure un giorno della loro funzionalità? Con il concetto di non di- sconoscere le necessità comuni della guerra, di non disconoscere la necessità di una direzione congiunta del processo economico a cui gli organi del Governo italiano partecipassero nella stessa forma, nella stessa misura, con la stessa autorità dei corrispon- denti organi tedeschi.
Questo fu il principio ispiratore che Tarchi espose pervica- cemente nei suoi rapporti quasi giornalieri con l’organismo tede- sco del Ruk. Sì, l’economia di guerra deve essere disciplinata ai fini comuni, ma i fini comuni debbono essere conseguiti di co- mune accordo. Gli strumenti per il conseguimento di questi fini comuni deve essere determinato di comune accordo.
Questo discorso che valeva per il trasferimento degli im- pianti, valeva per il trasferimento delle materie prime, valeva per l’assegnazione delle materie prime alle industrie italiane; materie prime che in gran parte provenivano dalla Germania: pensate al carbone, pensate ai metalli ferrosi e non ferrosi. Questo discorso valeva per un altro aspetto delicatissimo, quello dell’impiego della mano d’opera. I tedeschi lo controllavano non solo attra- verso il Ruk ma anche attraverso organi del Commissariato del Lavoro tedesco che agivano indipendentemente. Con i quali era più difficile il contatto, dai quali era più difficile ottenere il rico- noscimento della funzionalità del Governo italiano e un discorso sul reclutamento.
Il trasferimento della mano d’opera era indubbiamente l’aspetto più delicato di questo programma di riconquista delle leve del processo produttivo italiano. Problemi che si aggravaro- no, naturalmente, con l’avanzare del fronte. Finché si com- batteva a Cassino la Repubblica Sociale aveva giurisdizione su due terzi dell’Italia ma quando le linee di combattimento comin- ciarono ad avvicinarsi alla valle Padana i problemi si fecero più ardui  perché  intervenne  l’atteggiamento dell’autorità  militare, dei comandi militari, che miravano alla distruzione degli impian- ti. Non si trattava più di trasferirli in Germania, ad un certo punto si poneva il problema della distruzione e fu necessaria quindi un’altra impegnativa azione per evitare, nei limiti del possibile, questa iattura.
Il principio intorno a cui il Ministero dell’Economia si im- batté tu quello che non si doveva addivenire, o si doveva addive- nire nella minor misura possibile, alla distruzione degli impianti e questo argomento era supportato da dati tecnici, da argomenti tecnici. Il Ministero dell’Economia si avvaleva dell’ampia col- laborazione degli industriali e dei tecnici: poteva essere suffi- ciente la disattivazione degli impianti, quella che tu chiamata al- lora la “invertizzazione” degli impianti. Il ché era particolarmen- te importante per il settore dell’industria elettrica. Distruggere gli impianti di produzione dell’energia elettrica avrebbe significato lasciare il paese per decenni privo della possibilità non solo di produrre ma di vivere. Si calcolava che un terzo dell’energia prodotta fosse destinata ai consumi civili e due terzi all’attività produttiva. Distruggere gli impianti elettrici avrebbe significato distruggere non solo il potenziale produttivo ma le possibilità di vita della popolazione civile. Fu quindi un problema gravissimo quello della difesa degli impianti di produzione idroelettrica e termoelettrica che in parte riuscì.
Se il triangolo industriale italiano, se la struttura produttiva della Pianura Padana, il cuore dell’economia italiana, rimase praticamente intatto, a parte le distruzioni prodotte dai bombarda- menti nemici, per quanto riguardava l’azione distruttrice che i tedeschi avrebbero potuto compiere, questo fu dovuto all’opera del Governo della Repubblica Sociale. Questo va detto con chia- rezza. Non sono stati i partigiani a salvare le industrie italiane, come si è detto e scritto, e si dice e si scrive. Non furono perché non poteva essere. Fu  quest’opera lunga, paziente, indefessa, compiuta durante un intero anno dal Ministero dell’Economia che portò a risultati concreti, che permise di salvare l’ossatura essenziale della attività produttiva italiana.
Questi processi di asportazione di impianti avevano un a- spetto microeconomico; rappresentavano un problema per le im- prese. Di chi diventa l’impianto asportato da Bergamo o da Bre- scia e trasportato in Germania? Di chi è la proprietà delle materie prime che vengono requisite e trasportate in Germania? Aspetti dunque microeconomici e aspetti anche di carattere finanziario, valutano, I rapporti economici internazionali all’epoca erano re- golati sostanzialmente in regime di credito, cioè di compensa- zione fra esportazione ed importazione, il che eliminava o ridu- ceva i problemi di pagamenti e quindi i problemi valutari.
Cosa succede quando io asporto dalla impresa X delle mate- rie prime e le trasporto in Germania? Le lavoro ed eventualmente importo i prodotti in Italia? Come si regolano, dal punto di vista economico privato e dal punto di vista valutano e dal punto di vi- sta dell’economia generale, questo genere di rapporti?
Anche questo fu un problema che dovette essere affrontato e che fu disciplinato con due accordi diplomatici, preparato nelle trattative da parte del Ministero dell’Economia con gli organi te- deschi e poi stipulati formalmente dal Ministero degli Esteri e dall’ambasciatore di Germania. Accordi che regolarono anche tutti questi aspetti della disciplina, dei rapporti privatistici, deirapporti valutari, dei rapporti doganali, inerenti al trasferimento di materie prime, di parti di impianti e poi l’accordo relativo al trasferimento della mano d’opera. Anche questo fu regolato nei termini più soddisfacenti possibili per la parte italiana, attraverso accordi diplomatici promossi, studiati, preparati, in seno al Mini- stero dell’Economia e approvati poi e sanciti in sede governativa.
Oggi non esiste certamente in Italia un Ruk, non esiste un Plenipotenziario militare. Non esiste niente di tutto questo. Noi ci illudiamo di essere liberi e sovrani ma ci sono fenomeni altret- tanto gravi e forse più gravi perché le ingerenze degli organi te- deschi nell’economia italiana erano un fatto contingente, erano fatti determinati dalla situazione contingente verificatasi con il crollo della struttura politica ed amministrativa italiana.
Oggi i fenomeni sono molto ampi. Il fenomeno della priva- tizzazione, riflettiamo  un  momento, significa  la  vendita  o  la svendita dell’apparato produttivo italiano alla finanza e alla in- dustria straniera.
Oggi esiste il fenomeno della globalizzazione che sembra la meta radiosa a cui deve tendere la economia mondiale. La globa- lizzazione che cosa significa, se non governo dell’economia dei singoli paesi da parte di strutture sovranazionali, da parte di strutture che fanno capo a centri di interessi che non sono i nostri centri di interessi ma che sono centri di interessi estranei ai no- stro mondo, alla nostra società, ai nostri interessi? Non esiste più la sopraffazione dell’occupante tedesco ma esiste una sopraffa- zione molto più grave che è quella dell’imperialismo economico internazionale e io chiedo ai giovani che mi ascoltano di riflette- re su questo dato.
Come si difende l’economia dei singoli paesi? Come si di- fende l’economia soprattutto di un paese relativamente debole, economicamente e strutturalmente qual’è l’Italia? Come si di-fende l’economia dell’intero continente europeo nei confronti di questi poteri sopranazionali che sono i veri dominatori della sce- na economica e quindi della scena politica? Ne abbiamo avuto un drammatico esempio nelle settimane scorse con la crisi russa che è stata innescata, guardate caso, dalle dichiarazioni di quei grande finanziere che risponde al nome di Saros, che ha preco- nizzato la svalutazione del rublo pochi giorni prima che la svalu- tazione del rublo si verificasse. Qual’era il misterioso, e non tan- to misterioso, intento del Sig. Saros? Quali sono state le manovre che la finanza internazionale ha svolto per arrivare a mettere in ginocchio l’apparato economico e produttivo della Russia? Quali sono gli strumenti che la finanza internazionale usa per mettere in ginocchio o per tenere sotto controllo le economie dei singoli paesi?
Ecco, cari amici, quello che fu un fenomeno contingente del 1944 e che vide, come ho cercato di illustrarvi, la tenace difesa, anche se non sempre fortunata difesa, degli interessi economici italiani nei confronti dell’alleato tedesco, quella situazione esiste oggi su scala molto più vasta. Allora uomini che vengono, come noi vecchi, da una tradizione ideologica qual era quella dei fasci- smo, tesa alla difesa degli interessi della nazione, uomini come voi giovani che si preparano ad affrontare questi problemi sul terreno dell’oggi e dei domani, devono esserne coscienti. Noi lo dobbiamo per richiamare, per mettere in allarme, voi lo dovete per affrontare questi problemi. Per affrontarti al di fuori dei miti della economia di mercato, dei miti della privatizzazione selvag- gia, dei miti del globalismo, che sono tutti strumenti con cui l’imperialismo economico mira a dominare i paesi meno orga- nizzati, i paesi economicamente più deboli.
Noi abbiamo combattuto una guerra contro questa realtà. L’abbiamo combattuta e l’abbiamo perduta, ma l’abbiamo com- battuta proprio in nome di questo principio e di questo ideale. La guerra che noi abbiamo combattuto non era, come si va raccon- tando, come vi raccontano nelle scuole, come vi raccontano i li- bri dei vincitori, la guerra imperialista; era la guerra del sangue contro l’oro, era la guerra dei popoli poveri contro i popoli ric- chi, era la guerra contro l’imperialismo. Cercate di rendervi con- to di questo, di rendervi conto che i vostri padri e i vostri nonni hanno combattuto contro l’imperialismo americano, hanno com- battuto contro l’imperialismo economico e finanziario interna- zionale e traetene le conseguenze. Cosa deve fare l’Italia, cosa deve fare l’Europa nel millennio a cui voi vi state preparando? 
 Ora tocca a voi.
 Stato Corporativo e della sua organizzazione

I. La Nazione italiana è un organismo avente fini, vita, mezzi di azione superiori per potenza e durata a quelli degli individui divisi o raggruppati che la compongono. E una unità morale, politica ed economica, che si realiz- za integralmente nello Stato fascista.
II. Il lavoro, sotto tutte le sue forme organizzativi ed esecutive, intellet- tuali, tecniche, manuali è un dovere sociale. A questo titolo, e solo a questo titolo, è tutelato dallo Stato.
Il complesso della produzione è unitario dal punto di vista nazionale; i suoi obiettivi sono unitari e si riassumono nel benessere dei singoli e nello sviluppo della potenza nazionale.
III. L’organizzazione sindacale o professionale è libera. Ma solo il sinda- cato legalmente riconosciuto e sottoposto al controllo dello Stato, ha il diritto di rappresentate legalmente tutta la categoria di datori di lavoro o di lavora- tori, per cui è costituito: di tutelarne, di fronte allo Stato e alle altre associa- zioni professionali, gli interessi; di stipulare contratti collettivi di lavoro ob- bligatori per tutti gli appartenenti alla categoria, di imporre loro contributi e di esercitare, rispetto ad essi, funzioni delegate di interesse pubblico.
IV. Nel contratto collettivo di lavoro trova la sua espressione concreta la solidarietà tra i vari fattori della produzione, mediante la conciliazione degli opposti interessi dei datori di lavoro e dei lavoratori, e la loro subordinazione agli interessi superiori della produzione.
V. La Magistratura del lavoro è l’organo con cui lo Stato interviene a re- golare le controversie del lavoro, sia che vertano sulla osservanza dei patti e delle altre norme esistenti, sia che vertano sulla determinazione di nuove condizioni di lavorI. Le associazioni professionali legalmente riconosciute assicurano l’uguaglianza giuridica tra i datori di lavoro e i lavoratori, mantengono la di- sciplina della produzione e del lavoro e ne promuovono il perfezionamento.
Le corporazioni costituiscono l’organizzazione unitaria delle forze della produzione e ne rappresentano integralmente gli interessi.
In virtù di questa integrale rappresentanza, essendo gli interessi della pro- duzione interessi nazionali, le corporazioni sono riconosciute come organi di Stato.
Quali rappresentanti degli interessi unitari della produzione le corpora- zioni possono dettare norme obbligatorie sulla disciplina dei rapporti di lavo- ro e anche sul coordinamento della produzione tutte le volte che ne abbiano avuto i necessari poteri dalle associazioni collegate.
VII. Lo Stato corporativo considera l’iniziativa privata nel campo della produzione come lo strumento più efficace e più utile nell’interesse della Nazione.
L’organizzazione privata della produzione essendo una funzione di inte- resse nazionale, l’organizzatore dell’impresa è responsabile dell’indirizzo della produzione di fronte allo Stato. Dalla collaborazione delle forze produt- tive deriva fra esse reciprocità di diritti e di doveri. Il prestatore d’opera, tec- nico, impiegato od operaio, è un collaboratore attivo dell’impresa economica la direzione della quale spetta al datore di lavoro che ne ha la responsabilità.
VIII. Le associazioni professionali di datori di lavoro hanno l’obbligo di promuovere in tutti i modi l’aumento, il perfezionamento della produzione e la riduzione dei costi. Le rappresentanze di coloro che esercitano una libera professione o un’arte e le associazioni di pubblici dipendenti concorrono alla tutela degli interessi dell’arte, della scienza e delle lettere, al perfezionamen- to della produzione e al conseguimento dei fini morali dell’ordinamento cor- porativo.
IX. L’intervento dello Stato nella produzione economica ha luogo soltan- to quando manchi o sia insufficiente l’iniziativa privata o quando siano igioco interessi politici dello Stato. Tale intervento può assumere la forma del controllo, dell’incoraggiamento e della gestione diretta.
X. Nelle controversie collettive dei lavoro l’azione giudiziaria non può essere intentata se l’organo corporativo non ha prima esperito il tentativo di conciliazione.
Nelle    controversie    individuali    concernenti    l’interpretazione    e l’applicazione dei contratti collettivi di lavoro, le associazioni professionali hanno facoltà di interporre i loro uffici per la conciliazione. La competenza per tali controversie è devoluta alla magistratura ordinaria, con l’aggiunta di assessori designati dalle associazioni professionali interessate.
Del contratto collettivo di lavoro e delle garanzie del lavoro.

XI. Le associazioni professionali hanno l’obbligo di regolare, mediante contratti collettivi, i rapporti di lavoro fra le categorie di datori di lavoro e di lavoratori, che rappresentano.
Il contratto collettivo di lavoro si stipula fra associazioni di primo grado, sotto la guida e il controllo delle organizzazioni centrali, salva la facoltà di sostituzione da parte dell’associazione di grado superiore, nei casi previsti dalla legge e dagli statuti.
Ogni contratto collettivo di lavoro, sotto pena di nullità, deve contenere norme precise sui rapporti disciplinari, sul periodo di prova, sulla misura e, sul pagamento della retribuzione, sull’orario di lavoro.
XII. L’azione del Sindacato, l’opera conciliativa degli organi corporativi e la sentenza della Magistratura del lavoro, garantiscono la corrispondenza del salario alle esigenze normali di vita, alle possibilità della produzione e al rendimento dei lavoro.
La determinazione dei salario è sottratta a qualsiasi norma generale e af- fidata all’accordo delle parti nei contratti collettivi.
XIII. I dati rilevati dalle pubbliche Amministrazioni, dall’Istituto centrale di statistica e dalle associazioni professionali legalmente riconosciute, circa le condizioni della produzione e del lavoro e la situazione del mercato mone-tario, e le variazioni del tenore di vita dei prestatori d’opera, coordinati ed elaborati dal Ministero delle corporazioni, daranno il criterio per contempe- rare gli interessi delle varie categorie e delle classi fra di loro e di queste con l’interesse superiore della produzione.
XIV. La retribuzione deve essere corrisposta nella forma più consentanea alle esigenze del lavoratore e dell’impresa.
Quando la retribuzione sia stabilita a cottimo, e la liquidazione dei cotti- mi sia fatta a periodi superiori alla quindicina, sono dovuti adeguati acconti quindicinali o settimanali.
Il lavoro notturno, non compreso in regolari turni periodici, viene retri- buito con una percentuale in più, rispetto al lavoro diurno.
Quando il lavoro sia retribuito a cottimo, le tariffe di cottimo debbono es- sere determinate in modo che all’operaio laborioso, di normale capacità la- vorativa, sia consentito di conseguire un guadagno minimo oltre la paga ba-
se.

XV. Il prestatore di lavoro ha diritto al riposo settimanale in coincidenza con le domeniche.
I contratti collettivi applicheranno il principio tenendo conto delle norme di legge esistenti, delle esigenze tecniche delle imprese, e nei limiti di tali e- sigenze procureranno altresì che siano rispettate le festività civili e religiose secondo le tradizioni locali. L’orario di lavoro dovrà essere scrupolosamente e intensamente osservato dal prestatore d’opera.
XVI. Dopo un anno di ininterrotto servizio il prestatore d’opera, nelle imprese a lavoro continuo, ha diritto ad un periodo annuo di riposo feriale retribuito.
XVII. Nelle imprese a lavoro continuo il lavoratore ha diritto, in caso di cessazione dei rapporti di lavoro per licenziamento senza sua colpa, ad una indennità proporzionata agli anni di servizio. Tale indennità è dovuta anche in caso di morte del lavoratore.
XVIII. Nelle imprese a lavoro continuo, il trapasso dell’azienda non ri- solve il contratto di lavoro, e il personale ad essa addetto conserva i suoi di-
ritti nei confronti del nuovo titolare. Ugualmente la malattia del lavoratore, che non ecceda una determinata durata, non risolve il contratto di lavoro. Il richiamo alle armi o in servizio della M.V.S.N. non è causa di licenziamento.
XIX. Le infrazioni alla disciplina e gli atti che perturbino il normale an- damento dell’azienda commessi dai prenditori di lavoro, sono puniti secondo la gravità della mancanza, con la multa, con la sospensione dal lavoro e, per i casi più gravi, col licenziamento immediato senza indennità.
XX. Il prestatore di opera di nuova assunzione è soggetto ad un periodo di prova, durante il quale è reciproco il diritto alla risoluzione del contratto, col solo pagamento della retribuzione per il tempo in cui il lavoro è stato ef- fettivamente prestato.
XXI. Il contratto collettivo di lavoro estende i suoi benefici e la sua di- sciplina anche ai lavoratori a domicilio. Speciali norme saranno dettate dallo Stato per assicurare la pulizia e l’igiene del lavoro a domicilio.

Degli Uffici di Collocamento.

XXII. Lo Stato accerta e controlla il fenomeno della occupazione e della disoccupazione dei lavoratori, indice complessivo delle condizioni della pro- duzione e del lavoro.
XXIII. Gli uffici di collocamento sono costituiti a base paritetica sotto il controllo degli organi corporativi dello Stato. I datori di lavoro hanno l’obbligo di assumere i prestatori d’opera pel tramite di detti uffici. Ad essi è data facoltà di scelta nell’ambito degli iscritti negli elenchi con preferenza a coloro che appartengono al Partito e al Sindacato fascisti, secondo la anzia- nità di iscrizione.
XXIV. Le associazioni professionali di lavoratori hanno l’obbligo di e- sercitare un’azione selettiva fra i lavoratori, diretta ad elevarne sempre di più la capacità tecnica e il valore morale.
XXV. Gli organi corporativi sorvegliano perché siano osservate le leggi sulla prevenzione degli infortuni e sulla pulizia del lavoro da parte dei singo- li soggetti alle associazioni collegate
Della Previdenza, dell’Assistenza, dell’Educazione e dell’Istruzione.

XXVI. La previdenza è un’alta manifestazione del principio di collabora- zione. Il datore di lavoro e il prestatore d’opera devono concorrere propor- zionalmente agli oneri di essa. Lo Stato, mediante gli organi corporativi e le associazioni professionali, procurerà di coordinare e di unificare, quanto è più possibile, il sistema e gli istituti di previdenza.
XXVII. Lo Stato fascista si propone:

1) il perfezionamento dell’assicurazione infortuni;

2) il miglioramento e l’estensione dell’assicurazione maternità;

3) l’assicurazione delle malattie professionali e della tubercolosi come avviamento all’assicurazione generale contro tutte le malattie;
4) il perfezionamento dell’assicurazione contro la disoccupazione involonta- ria;
5) l’adozione di forme speciali assicurative dotalizie per i giovani lavoratori.

XXVIII. E’ compito delle associazioni di lavoratori la tutela dei loro rap- presentanti    nelle    pratiche    amministrative    e    giudiziarie,    relative all’assicurazione infortuni e alle assicurazioni sociali.
Nei contratti collettivi di lavoro sarà stabilita, quando sia tecnicamente possibile, la costituzione di casse mutue per malattia col contributo dei datori di lavoro e dei prestatori di opera, da amministrarsi da rappresentanti degli uni e degli altri, sotto la vigilanza degli organi corporativi.
XXIX. L’assistenza ai propri rappresentati, soci e non soci, è un diritto e un dovere delle associazioni professionali. Queste debbono esercitare diret- tamente le loro funzioni di assistenza, né possono delegarle ad altri enti od istituti, se non per obiettivi d’indole generale, eccedenti gli interessi delle singole categorie.
XXX. L’educazione e l’istruzione, specie l’istruzione professionale, dei loro rappresentati, soci e non soci, è uno dei principali doveri delle associa- zioni professionali. Esse devono affiancare l’azione delle Opere nazionali re- lative al dopolavoro e alle altre iniziative di educazione.


SOCIALIZZAZIONE O SOCIALISMO?

La socializzazione altro non è se non la realizzazione italiana,   umana,   nostra, effettuabile del socialismo
MUSSOLINI

Il Corporativismo è tutto il Fascismo? Fu questione fra le più dibattute per molti anni durante il passato ventennio, varia- mente risolta, più volte archiviata come inutile bizantinismo e pure continuamente risorgente, poiché sintetizzava, in ultima a- nalisi, il problema della definizione del contenuto e del pro- gramma sociale della rivoluzione.
Ora, mentre pure il tempo non è certo propizio a ricerche di definizioni formali, la stessa esigenza di chiarire questo contenu- to e questo programma fa porre, sotto altra forma, un problema sostanzialmente simile: la socializzazione è socialismo?
Già a questa nuova domanda taluno risponde, con impazien- za, che si tratta di parole e che non giova fermarsi ed indulgere a certe ricerche formali. Ma la domanda si presenta, ancora, con insistenza e con urgenza, perché non pone una questione di paro- le e di forma, ma un’istanza sostanziale,. vuole che si soddisfi con tutto il rigore possibile ad un bisogno, ormai generalmente sentito, di chiarezza e di consequenzialità nei programmi politici. Il che non significa necessariamente dottrinarismo e apriorismo, ma chiamar le cose con il loro nome e inserire I programmi al lo- ro giusto posto nell’evoluzione delle idee e delle dottrine politi- che.

Noi, in quanto portatori del programma di socializzazione. dunque, socialisti?
Premettiamo che, nel rispondere a questa domanda, non ci lasceremo impressionare dalle parole, né trascinare da pregiudi- ziali: non abbiamo nulla in contrario, cioè, a riconoscerci sociali- sti se il confronto dei contenuto della nostra idea con quello delle idee socialiste ci convincerà che si tratta di contenuti identici, o simili, o in rapporto genetico l’uno con l’altro. Appunto perché non facciamo questione di parole, le parole non ci preoccupano e non ci interessano, e vogliamo dalla sostanza delle idee la solu- zione del nostro problema.
E veniamo, dunque, al concreto: veniamo, cioè, a definire uno dei termini che vanno a confronto: il contenuto della nostra socializzazione.
Questo contenuto non è difficilmente individuabile, dal momento che lo abbiamo dinanzi consacrato e concretato in un, testo di legge; e non è, direi, complicato ed se si può ridurre, co- me a me sembra che si possa, tutto a due principi fondamentali:
1) riconoscimento del valore dell’iniziativa individuale; da cui deriva come corollario che normalmente l’attività produttiva continua ad essere svolta dai singoli e non viene assunta dal- lo Stato se non quando si ritenga che l’iniziativa individuale non sia sufficiente o che motivi di ordine politico lo consi- glino (statizzazione delle industrie appartenenti a settori chiave), e che, sempre normalmente, la proprietà dei mezzi di produzione resta al singolo;
2) ma l’iniziativa non è più solo iniziativa del capitale e la pro- prietà dei mezzi di produzione non è più decisiva nella de- terminazione del  processo produttivo: in  questo  ha  parte fondamentale il lavoro, in tutte le sue forme, da quelle orga- nizzative e direttive a quelle esecutive; ed al lavoro in quan- to tale deve essere affidata la gestione dell’impresa e la di- sciplina della produzione; da cui poi deriva la conseguenza che il lavoro debba anche partecipare agli utili che dalla ge- stione dell’impresa, ed in genere dalla produzione, derivano. Per chi ben guardi, in questi due principi, di cosi semplice
enunciazione, è contenuto in nuce tutto un programma di politica economica e sociale. Ed infatti in essi è il riconoscimento della iniziativa individuale, ma è anche l’affermazione della necessità di un programma produttivo, di un piano; poiché la produzione non è e non può essere condotta più in base all’esclusivo arbitrio individuale  e  in  vista  dell’utile  individuale,  che  sono  poi l’arbitrio e l’utile del capitalista; ma deve rispondere alla volontà ed all’interesse di tutti i fattori che intervengono nel processo produttivo, cioè della collettività produttrice. Per cui la parteci- pazione del lavoro parte dall’impresa, ma non si ferma ad essa, bensì diviene partecipazione a tutta la disciplina dei processo produttivo attraverso la partecipazione agli organi dello Stato a ciò destinati. E la distribuzione degli utili dell’impresa non è, a sua volta, fine a stessa, ma si dilata in un più vasto principio che si pone a base della distribuzione di tutto il complesso del reddi- to nazionale, con obbiettivo il raccorciamento delle distanze fra redditi massimi e minimi ed  il miglioramento delle condizioni di vita delle categorie più basse di redditieri.
Ora questo programma economico-sociale su quali principi filosofico-politici, trova, a sua volta, la base?
Il quesito è più arduo di quello posto inizialmente, sia per- ché ci porta su un piano più elevato di Indagine, sia perché alla risposta non si offrono elementi concreti, desumibili da un testo di legge, onde essa deve per necessità rifarsi a posizioni e con- vinzioni personali.

E tuttavia anche questo secondo quesito va risolto, se non si vuole limitarsi ad una mera soluzione pratica ed empirica di pro- blemi economico-sociali; il che non possiamo, per un assunto spiritualistico del nostro pensiero, al quale i problemi si presen- tano, prima che in veste economica, in veste morale e – specifi- camente, in questo campo – politica.
Per cui il riconoscimento della iniziativa individuale, prima che sul piano economico, ha un significato, per noi, sul piano e- tico, come riconoscimento del valore della personalità e della li- bertà; l’affermazione che la proprietà degli strumenti di produ- zione non è, da sola, decisiva del processo produttivo, ma deve essere integrata dal principio della partecipazione di tutti i fattori di questo, implica e presuppone un principio di etica non mate- rialistica che postuli l’esistenza di un valore universale della per- sonalità e della libertà, indipendente dalla manifestazione mate- riale della proprietà, e per cui nessun individuo può essere consi- derato come mezzo, ma ognuno è fine e partecipe di un sistema di fini, e vale non in quanto ha, ma in quanto si attua compiuta- mente, attuando, con la sua azione, un suo fine; e finalmente l’ammissione di  un  limite  all’assoluto  ed  egoistico  prevalere dell’ iniziativa individuale implica, in termini più vasti, il ricono- scimento del valore della società come concreta realtà trascen- dente l’individuo e pure espressa da questo e ad esso immanente, realtà autonoma, non atomisticamente e materialisticamente inte- sa come somma di individui, ma come sintesi ideale del momen- to individuale in una superiore individualità avente propri fini e volontà.
Se ora ci volgiamo a determinare l’altro termine di confron- to, le difficoltà di definizione ci appaiono molto più gravi.
Innanzi tutto, invece di avere dinanzi, come accade – ed è, sia detto a giusto titolo di orgoglio. la prima volta nella storia 
per la nazione fascista, una legge, consacrante in concrete dispo- sizioni i principi, ed una prassi della socializzazione, che,  pure in via ancora sperimentale, comincia a formarsi, noi abbiamo so- lo una serie di affermazioni e di tentativi, di nessuno dei quali possiamo dire con certezza quanto sia riassumibile in una cate- goria logica “socialismo”. Dobbiamo accogliere come manife- stazione di socialismo i tentativi utopistici del fourierismo o di Owen? O dobbiamo relegare questi nella preistoria socialista e rifarci ad una più recente esperienza, quale potrebbe essere quel- la dei tentativi di socializzazione compiuti e non condotti a ter- mine nella Germania di Weimar? O addirittura assumere come valido paradigma di  prassi socialista la  sola  esperienza della Russia sovietica?
Questo primo dubbio metodico ci offre, tuttavia, una prima approssimazione del problema, mostrandoci come una soluzione, diciamo così, socializzatrice, possa essere la estrinsecazione dei punti di vista teoretici più vari, quali, per attenersi agli esempi fatti, l’utopismo di un Fourier o di un Owen, il riformismo della socialdemocrazia tedesca o la posizione rivoluzionaria del co- munismo russo. Per cui a chiarire il problema, si rende necessa- rio risalire dalla prassi alla dottrina, e cercare di stabilire se i principi teoretici dai quali noi desumiamo, oggi, il nostro pro- gramma, di socializzazione, siano per avventura gli stessi da cui mossero, in passato, i vari tentativi di socializzazione “sociali- sta”.
Ma qui le difficoltà si rinnovano e si moltiplicano, in quanto, ancora una volta, la scelta del termine di paragone è più che mai ardua. Anche a trascurare la numerose posizioni socialiste dell’antichità e del Medio Evo e della stessa rivoluzione france- se, anche a porre come termine iniziale della nostra indagine quell’anno 1848 che vide la dichiarazione programmatica del manifesto dei comunisti, resta pur sempre da decidere a quale dei tanti socialismi che, durante quasi un secolo, nel quadro o ai margini del marxismo, in posizione di semplice critica o in aper- ta lotta con questo, hanno tormentato e diviso l’animo degli eu- ropei, a quale dunque di essi dobbiamo rifarci per decidere del nostro socialismo.
Un punto di vista, tuttavia,  sembra chiaro: che non si possa parlare, per noi, di marxismo, né nella teoria né nella prassi. Se è vero, come abbiamo chiarito più sopra, che la nostra posizione teoretica è rigidamente spiritualistica, se è vero che noi affer- miamo il valore della personalità, della libertà, della iniziativa individuale, se consideriamo la società non materialisticamente come somma si individui, ma come realtà a sé stante, quale sola può essere costruita dallo spirito, se i problemi economici e so- ciali ci appaiono non come prius  di ogni realtà, come l’unica concreta realtà, ma anzi dominati, nella loro impostazione e nella loro soluzione, da premesse ideali; se tutto questo è vero, risulta chiaramente che non ci è possibile accettare nessuno dei fonda- menti filosofici del marxismo: materialismo storico, determini- smo, teoria della lotta di classe, anche a prescindere, per ora, da ogni  approfondito esame  dell’intima contraddittorietà di  quei fondamenti per chi ne accetti il presupposto materialistico.
Così pure noi non possiamo accettare come tali quelle prete- se “leggi” economiche che il marxismo ha posto a fondamento della sua costruzione scientifica, né occorre che ne dimostriamo, in questa sede, l’infondatezza, largamente dimostrata, ormai, in teoria, e confermata dalla pratica.
Che cosa resta, allora del socialismo marxista? Taluno cre- derà di risponderci vittoriosamente: “la prassi”. Ma questa rispo- sta, che ci ricondurrebbe al punto di partenza ai molteplici tenta- tivi pratici, cioè, di socialismo di cui, abbiam
tentare l’unificazione se non in sede teoretica, ha, per noi, scarso valore: ci ridurremmo ad un livello assai basso di empirismo e pragmatismo se riconoscessimo al fato bruto di una realizzazione pratica, non illuminata dalla validità di principi, un qualsiasi va- lore vittorioso sui nostri presupposti teoretici, se non riaffermas- simo essere la pratica a trarre luce da quei presupposto, se pure, si intende, reagisca, poi, a sua volta su di essi, modificandoli, a- dattandoli, riformandoli per aprire la vai ad una nuova esperien-
za.

E poi, occorre chiedersi, quale prassi? In quale prassi è dato riconoscere puntualmente il verificarsi dei postulati pratici del marxismo? E’ inutile attardarsi, a questo proposito, sulla dimo- strazione della insussistenza di realizzazioni socialiste nei vari paesi d’Europa e del mondo, poiché è di assoluta evidenza che nessun tentativo di socializzazione, da quelli fondati su presup- posti che oggi si definiscono utopistici e quelli basati sullo scien- tificismo marxista, ha avuto pratica realizzazione. Quanto ai pro- gressi e ai miglioramenti sociali attuati nell’ultimo mezzo secolo sotto la spinta di varie cause concomitanti, nessun marxista con- seguente e non colpito da tare di conformismo li accetterebbe, crediamo, come segni di una realizzazione delle proprie dottrine sociali.
Ma resta, punto luminoso o scuro, secondo i pareri, la realtà dell’esperimento sovietico, che dovrebbe documentare la vittoria del socialismo al di là di ogni riserva dottrinaria. In verità ci si chiede ormai da più parti che cosa, effettivamente, il bolscevi- smo rappresenti, se una dimostrazione dell’attuabilità pratica del socialismo o al contrario, una riprova della sua inattuabilità; se il passaggio dal comunismo di guerra alla N. E. P., alla politica dei piani quinquennali, in economia, dalla costituzione del 1918 a quella del 1936, in politica interna, dalla pace senza annessioni e
senza indennità teorizzata nel 1917, alle conquiste ed alle annes- sioni del 1939-1944, in politica estera, rappresentino una pro- gressiva adozione di presupposti imperialistici e capitalistici sia sul piano economico (potenziamento industriale), che su quello politico interno ed estero. Ma a noi non importa, ora, entrare in questa polemica che non potrà essere risolta se non quando tutti gli elementi della situazione russa saranno appieno dispiegati e valutati. A noi importa precisare che, come nulla abbiamo di comune con la dottrina marxista, cosi nulla le nostre realizzazio- ni pratiche hanno in comune con le realizzazioni del marxismo, dato e non concesso che la realtà della Russia sovietica sia una di queste.
In effetti il cardine dell’esperimento bolscevico è nella abo- lizione della proprietà privata dei mezzi di produzione; la nostra esperienza è fondata sul mantenimento della proprietà. Differen- za che non è accidentale o secondaria, ma che investe tutta la no- stra posizione dottrinale, in quanto, per noi il mantenimento o l’eliminazione della proprietà privata non ha l’importanza preva- lente che ad essa attribuisce il marxismo nella sua posizione ma- terialistica: ciò che a noi importa è l’affermazione del valore del- la personalità umana, la quale vale in quanto agisce e  (sul piano economico) produce; onde, la preminente importanza dei lavoro. Perciò, a noi basta svalutare la proprietà dei mezzi di produzione affermando che questa non è e non deve essere se non strumento nelle mani dell’individuo lavoratore e produttore, al servizio del- la collettività produttrice.
Da ciò un’altra importante differenziazione fra noi ed il co- munismo sovietico: ché, mentre, riaffermato il valore della per- sonalità, la disciplina del processo economico, il piano, è per noi frutto di un’attiva partecipazione dei produttori alla sua forma- zione (corporativismo), per la prassi sovietica il lavoratore non è che una particella di un gigantesco meccanismo produttivo, rigi- damente disciplinato dall’alto da una burocrazia statale non me- no autocratica ed oppressiva di quella di un qualsiasi Stato capi- talista.
Ma se la nostra socializzazione non è sul piano del marxi- smo, non è neppure, per dottrina e per metodo, su quello delle fi- liazioni. più o meno revisionistiche, del marxismo stesso. Non è, in prima linea, sul Piano dei socialismo di Stato.
E’ vero che lo Stato è per noi una realtà viva e operante, che si tratta non di distruggere, bensì di trasformare. Ma, in linea di metodo, la rivoluzione, cioè la trasformazione della struttura e- conomica e sociale, non può essere opera paternalistica della bu- rocrazia statale; il ché sarebbe, oltre tutto, intrinsecamente con- traddittorio, perché significherebbe affidare la lotta contro l’or- ganizzazione capitalistica della società ad un potere statale che, nelle condizioni attuali, è l’espressione proprio di quella società capitalista che si tratta di trasformare e di sostituire. La ri- voluzione deve essere compiuta dalle forze del lavoro che, muo- vendo dalla consapevolezza delle proprie possibilità e del fine da raggiungere, devono formare la nuova, realtà sociale ed esprime- re, sul piano politico, attraverso la propria organizzazione, la nuova organizzazione dello Stato.
Né, come fine da raggiungere, ci si può proporre uno Stato autoritario, proprietario dei mezzi di produzione; una organizza- zione, cioè, che dal socialismo di Stato scivolerebbe inevitabil- mente nel capitalismo di Stato. L’aver riaffermato il valore della personalità, e quindi dell’iniziativa individuale esclude che lo Stato possa configurarsi per noi in questa forma.
Né, d’altra parte, possiamo accettare l’idea di uno Stato che sia il risultato di una lotta di classi e l’espressione, nella sua or- ganizzazione, nei suoi poteri e nella sua azione, del predominiodi una “classe”, supposta vincitrice di tale lotta. Non che ci sedu- ca un’idilliaca visione conciliazionistica, il luogo, divenuto co- mune negli anni trascorsi, dell’equo contemperamento degl’inte- ressi contrapposti delle categorie.
Ci rendiamo conto che, nell’attuale struttura sociale, la plu- tocrazia capitalistica userà di tutti i suoi mezzi per contrastare la creazione di un ordine sociale fondato sui diritti del lavoro, e che questo ordine, come ogni altra conquista umana, non potrà che scaturire dal contrasto e dalla lotta. Ma questa non è lotta di clas- se, per noi, che non possiamo identificare il mondo del lavoro in una classe, materialisticamente concepita e individuata, e lo con- cepiamo, al contrario, come la manifestazione più completa della personalità umana nella sua attività produttiva; per cui lavoratore è e deve essere ogni membro della collettività, e la qualifica di lavoratore non riveste alcun carattere classista.
Né, d’altra parte, la lotta anti-capitalista può risolversi, se- condo i postulati comunisti, nel predominio della classe lavora- trice, sia perché tale assunto appare contraddittorio alla luce del- lo stesso postulato della lotta di classe, la quale, se è concepita – come lo è dal marxismo – quale giustificazione e molla della sto- ria umana, non può, d’un tratto, miracolosamente annullarsi e perdersi senza che la stessa storia dell’umanità giunga ad una immobilità definitiva; per cui lo Stato comunista si presenta co- me un mito irrealizzabile sul piano umano, come il paradiso ter- restre a cui l’umanità potrebbe giungere solo per conchiudere in una perfetta beatitudine il ciclo della sua vita e della sua lotta; e sia perché, come si è detto, il lavoro non è il denominatore di una classe, ma è l’attributo di tutta la collettività umana.
Lo Stato del lavoro è, perciò, nel nostro pensiero, lo Stato di tutti i lavoratori, del braccio e della mente, senza distinzione, fra
questi, di classe e senza alcun attributo classistico, è, insomma, lo Stato corporativo.
Siamo tornati, così a quell’interrogativo dalla cui rievoca- zione abbiamo preso le mosse, osservando come il problema di oggi – se la socializzazione ci immetta sul piano del socialismo – non sia che un diverso porsi del problema altra volta dibattuto, se il Fascismo fosse tutto nel corporativismo. E potremmo conchiu- dere, attraverso un’argomentazione sillogistica, che la socializ- zazione è ancora, come tutto il Fascismo, sul piano corporativo.
Socialismo, anche, se ciò piace, ma – come ha detto Musso- lini – socialismo “nostro”: socialismo nel senso che dietro la no- stra dottrina e la nostra esperienza sta oltre un secolo di elabora- zione dottrinale e di esperienza socialista, con la sua radicale cri- tica dei mondo capitalistico e con la sua ricerca di un ordine nuovo, con il suo bagaglio di errori e con la sua visione unilate- rale dei problemi e delle possibili soluzioni, ma anche con la sua fondamentale esigenza di giustizia e con la rivendicazione, a vol- te drammatica, dei diritti del lavoro.
Noi non possiamo, certamente, ignorare il valore di questa lunga lotta, non lo possiamo per un’esigenza storica, che rende la nostra idea e la nostra azione politica inseparabili dall’idea e dal- l’azione politica attraverso la quale la esperienza della nostra generazione si è formata e la nostra idea si è precisata ed ha acquistato concretezza. Ma appunto perché non possiamo non tener conto dello sforzo dottrinale e pratico che ci sta dietro, la nostra dottrina e la nostra azione, non possono non superare quegli elementi del socialismo che alla nostra più matura esperienza    ed    alla    nostra    più    acuta    indagine    appaiono insufficienti e insoddisfacenti.
Nello stesso modo superiamo le nostre stesse impostazioni dottrinali e le nostre esperienze di ieri, perché ci rendiamo conto che la prima fase dei nostro corporativismo è risultata, ad un cer- to punto, inadeguata a risolvere il problema dei nuovo ordine e- conomico, sociale e politico. Le superiamo, appunto, con la so- cializzazione che deve dare al corporativismo quella forza realiz- zatrice che ad esso è mancata nella sua prima attuazione.
Ma, appunto per questo, dobbiamo e possiamo dire che la socializzazione, la nostra socializzazione, costituisce la ripresa, il perfezionamento ed il compimento – per quanto di compimento si possa parlare nelle cose umane – del pensiero e della prassi corporativa
Alcune tra le più importanti leggi e istituzioni dell’Italia fascista del ven- tennio

– Tutela lavoro donne e fanciulli (R.D. 653/1923)
– Assistenza ospedaliera per i poveri (R.D. 2841/1923)
– Assicurazione contro la disoccupazione (R.D. 3158/1923)
– Assicurazione invalidità e vecchiaia (R.D. 3184/1923)
– Maternità e infanzia (R.D. 2277/1925)
– Assistenza illegittimi abbandonati o esposti (R.D. 798/1927)
– Assicurazione obbligatoria contro la tbc (R.D. 2055/1927)
– Esenzioni tributarie famiglie numerose (R.D. 1312/1928)
– Assicurazione obbligatoria contro le malattie professionali (R.D. 928/1929)
– Opera nazionale orfani di guerra (R.D. 1397/1929)
– Inail (R.D. 264/1933)
– Istituzione del libretto di lavoro (r.d. 112/1935)
– Inps (r.d. 1827/1935)
– Riduzione settimana lavorativa a 40 ore (r.d. 1768/1937)
– Eca (r.d. 847/1937)
– Assegni familiari (r.d. 1048/1937)
– Casse rurali e artigiane (r.d. 1706/1937)
– Tessera sanitaria per addetti servizi domestici (r.d. 1239/1929)
– Inam (r.d. 318/1943)

Advertisements