L’ultimo ribelle Giuseppe Solaro

L’ultimo ribelle Giuseppe Solaro

Torino,29 aprile 1945. Giuseppe Solaro, federale del Partito Fascista Repubblicano, fissa la folla, accorsa per vederlo morire, sereno e con la fierezza della sua dignità di autentico Ribelle.

Nel suo articolo I Ribelli siamo noi, apparso su La Stampa il 12 ottobre 1944, Solaro scriverà:
“I veri Ribelli in sostanza siamo noi. Noi globalmente chiamati nazi.fascisti… Ci ribelliaamo all’idea di non aver più nulla da fare contro un cumulo di nemici potentissimi di armi e vettovaglie. Come pensare,dice l’uomo della strada, che tedeschi, giapponesi e fascisti possano resistere a una America, indisturbata nelle sue fonti di produzione bellica alimentate da esuberanti dotazioni di materie prime, a una Inghilterra seminatrice di doviziose armate di ogni colore attinte alle immense colonie, a una Russia formidabile di uomini e ordigni di guerra, a tre potenze di tutto munite, padrone di tre quarti del mondo, credute persino nel programma di “liberazione”? Nondimeno ci ribelliamo ai colpi avversi della sorte, alla mala fortuna,alla incredulità degli altri nella nostra certezza e nella nostra fede. Ci ribelliamo alle prospettive di tremende punizioni che ci attenderebbero a breve scadenza. Ci ribelliamo pure all’antipatia e al vuoto che ci crea attorno nei momenti più duri una turba di vigliacchi timorosi persino di riconoscere almeno il nostro valore con una parola o un sorriso,perchè questo potrebbe pesare all’arrivo degli angloamericani. Noi siamo i veri Ribelli. Per gli altri è facile farsi chiamare ribelli quando si crede di avere gli eserciti amici a pochi giorni di distanza, quando si ritiene la vittoria già scontata, quando si pensa di essere dalla parte del più forte, dell’ormai invincibile. E’ piacevole farsi chiamare ribelli quando si è circondati dalle premure di tanti pavidi che intendono crearsi benemerenze verso il “cavallo vincente”, quando si hanno incitamenti ed aiuti da tanti plutocrati che puntano sull’affare ritenuto più sicuro, pur senza trascurare la distribuzione dei rischi, quando pare eroico in senso utilitaristico seguire la corrente, farsene paladini.. I veri ribelli siamo noi.”

Ribelli contro un mondo vecchio di egoisti, di privilegiati, di conservatori, di capitalisti oppressori, di falliti sistemi , di superate ideologie, di dottrine ingannatrici, di falsi e bugiardi.
Ribelli insomma contro il mondo dell’ingiustizia. Ribelli in nome di una santa causa, di una società giusta ed ordinata, di rispetto del lavoro, di dignità nazionale, di amore alla Patria, al nucleo familiare, alle onorevoli ed egregie intraprese della vita”
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s